La non bomboniera

Non amo le bomboniere, ciò credo che sia grave per una napoletana.
Per molti concittadini resta un’usanza importantissima, tant’è che non ne basta una per famiglia, bisogna calcolarne molte di più. Oltre il capofamiglia c’è la nonna o il nonno anche se abitano in famiglia, il primogenito e se viene con la fidanzatina? Vuoi inimicarti la futura cugina per una bomboniera?! Poi c’è il fotografo che seppur profumatamente pagato per il suo lavoro, vorrà proprio la tua  bomboniera, la parrucchiera, la truccatrice ecc. ecc. ecc.
Per il primo matrimonio la mia adorata mamma, oltre a tutto il resto, mi regalò le bomboniere. Scelsi un ciondolino d’oro, quattro diversi soggetti: Il Delfino, La Luna, Il Sole e La Stella. Una per ogni capofamiglia, BASTA!
In conclusione ho speso come se le avessi regalate anche ai passanti ma concentrate nel numero necessario, inutile dire che qualche parente l’ho perso da allora, pazienza.
Questo matrimonio è tutto tranne che sentimento e romanticismo, dopo 11 anni di convivenza legalizziamo la nostra unione ed è proprio questo, un legalizzare.
Il mio futuro marito ha espressamente chiesto sobrietà e riservatezza, sarà in parte accontentato.
2015-12-02 07.59.30
In onda il 1 dicembre su rete nazionale durante la trasmissione che mi vede partecipe oramai da tre anni, DettoFatto su Rai 2, la mia conduttrice Caterina Balivo accennerà alla nostra imminente unione. Fantastico! Io ho goduto, lui un po’ meno, pazienza.
Ed è proprio Caterina che, accennando alla bomboniera, mi ha riportato con i piedi per terra.
Mi tocca fare delle bomboniere, ma ho pochissimi giorni e zero budget.
La necessità aguzza l’ingegno.
Devo fare una premessa per amore della correttezza, oltre a ciò che si vede in tv io ho anche un laboratorio creativo e dunque il materiale non mi manca tant’è che lo vendo pure.
A conferma che sono una persona diversa, vi dirò anche che ho mantenuto con il mio ex marito un rapporto tale da poterlo definire senza alcun dubbio, il mio miglior amico.
Attraverso lui, persona per bene e fidata, ho acquistato del miele che non definirò biologico essendo il miele, se fatto onestamente, per ovvi motivi biologico.
honey-1006972_1280
Ho scelto il miele di castagno e quello di acacia, a tal proposito vi invito a leggere il mio articolo “Il miele” per saperne di più, sarà interessante scoprire quanto è salutare e prezioso questo alimento ancora troppo poco consumato.
Ma ecco che vi propongo un tutorial, tecnica mista, per una “bomboniera” alternativa.

2015-11-27 20.42.29-1
Ad ottobre ho partecipato alla manifestazione fieristica di Vicenza, Abilmente. L’evento riguardava la casa vestita ed io con Donnarita, mia amica da tanti anni oltre che collega della trasmissione DettoFatto, abbiamo realizzato una serie di cuscini grazie alla collaborazione dell’Azienda Le Torri di Soleto (Le) una stupenda realtà imprenditoriale.
Avevo a disposizione dei piccoli scampoli di tessuto, che ho tenuto per il mio archivio personale ma quando ho avuto l’idea delle “non bomboniere”, ho deciso che per una volta potevo sconvolgere le mie abitudini. Sono stoffe davvero belle sia come scelta delle fantasie che come consistenza del tessuto stesso.

2015-11-27 20.50.04-1

Un po’ di cristalli, bicono e tondi per aggiungere un tocco di preziosità oltre a lasciare un ricordo perpetuo della “non bomboniera”.

2015-11-27 20.59.23-1

Partiamo dagli scampoli di tessuto che, come vedete in foto, sono davvero esigui ma sufficienti a ricoprire il tappo del mio barattolo di miele. Con un piatto ed una matita tracciate il contorno.

2015-11-27 21.00.37-1

Se non avete le forbici a zigzag usate anche quelle normali, certo così sarà più sfizioso. Tagliate seguendo il tracciato a matita.

2015-11-28 14.25.05-2

Procediamo con la decorazione in cristalli altro non è che un braccialetto, perché finito il miele almeno ci resterà qualcosa ma se dovete risparmiare ancora, un nastrino in raso andrà benissimo. Basterà dell’elastico per bijoux art.966.0080.001 € 10,00 confezione da 50mt. Cristalli Swarovski doppio cono da 5mm. e4mm. una pinza a punta piatta art.0630019 45800.48 € 12,00 ed un coprischiaccino art.815.0003.024 €5,00 confezione da 200pz.

2015-11-28 14.33.24-2

Infilate quanti cristalli occorrono per raggiungere la misura del vostro polso più 1cm./ 1,5cm. questo perché dovrete calcolare all’incirca il volume che occuperanno i cristalli essendo tridimensionali.

2015-11-28 14.39.31-2

Chiudete il bracciale realizzando un nodo semplice ed un secondo doppio, ottenuto rientrando con una estremità due volte nell’asola, si formerà una sorta di avvolgimento come si vede in foto. Tirate bene facendo comunque attenzione a che il nylon non si spezzi.

2015-11-28 14.49.11-12015-11-28 14.54.25-1

Per ottenere un lavoro ben rifinito talvolta il particolare fa la differenza. Nascondete il nodo appena realizzato all’interno del coprischiaccino. Basterà una pressione con le pinze per chiuderlo, accompagnate il movimento in modo da far combaciare i lati tra loro. Il coprischiaccino ricorda una conchiglia, cava all’interno, che accoglie un nodo o lo schiaccino appunto, che sarà nascosto grazie alle pinze. Tagliate le estremità in eccesso con le forbicine.

2015-11-27 21.03.34-1

L’occorrente principale è pronto, dobbiamo solo assemblarlo.

2015-11-27 21.06.55-12015-11-28 00.50.35-1

E voilà! Io li trovo carinissimi.

2015-11-28 23.40.09-12015-11-29 00.01.39-1

Delle comuni etichette adesive che potrete trovare al supermercato nel reparto cancelleria, personalizzate usando un tratto oro o argento, completeranno la “non bomboniera”.

2015-11-28 15.03.23-1

Ogni bomboniera che si rispetti, anche la “non bomboniera” avrà bisogno di una confezione. Sempre riutilizzando dei tessuti che avevo in casa, questa volta di Giesse Scampoli sezione Novara ho tagliato un rettangolo 20cm. x 40cm.

2015-11-28 21.42.42-1

Rifinite a zigzag tutto il contorno. Io ho usato una Bernina  215 Simply red, semplicissima da usare con una serie di piedini utilissimi per le diverse esigenze.

2015-11-28 22.44.07-1

Piegate il rettangolo sul lato lungo quindi cucite, con un punto lineare, i lati. Rifinite l’apertura con una piegolina oppure la potrete lasciare semplice con lo zigzag a vista.

2015-11-28 23.45.01-1

Annodate un nastrino in doppio raso per sigillare il sacchetto e la “non bomboniera” è pronta per essere consegnata.

2015-11-29 21.30.15-1

Auguri a me e a tutte le splendide future spose.
2015-12-10 17.46.08

La non bomboniera di Valeria Belliardo con sale aromatizzato alle spezie del suo orto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.