Costruiamo una lampada per Il Magazine di Anna Borrelli

Io credo che molte di voi, come me, avete avuto il desiderio di creare una lampada, almeno una volta. Che sia in stoffa, carta, di tulle ( come la mia proposta nel libro “Ci vuole un filo” ed. Astragalo) di materiale di recupero… le lampade sono sempre presenti nei progetti sul fai da te perchè, oltre al fascino dell’ambientazione che si ottiene, i materiali che si possono adoperare sono davvero infiniti.

Conosciamo la nostra ospite

conosciamo Giulia

Giulia Antoniotti è la mia ospite per questo nuovo appuntamento con Il Magazine di Anna Borrelli. Dopo gli studi di Agraria la sua ricerca del mondo del lavoro, inerente al campo scolastico, aveva dato scarsi e deludenti risultati. Invece di abbattersi si è rimboccata le maniche reinventandosi completamente ed ha iniziato ad affiancare il suo papà titolare dell’Azienda “Antoniotti Giancarlo Impianti Elettrici” con sede a Vicolungo (No) a tal proposito per coloro che avessero bisogno e volessero contattarli, operano in tutto il Piemonte, Lombardia e limitrofi, inserendo #Ilmagazinediannaborrelli avrete diritto ad uno sconto del 10%  cell. 3484516237.

La sua collaborazione ora è fondamentale perchè oltre alla professionalità tecnica, è coadiuvante inserita nei dati della camera e commercio, Giulia ha aggiunto la creatività che da sempre la caratterizza, ma prima ci ha voluto indicare alcuni consigli pratici di comune necessità.

Step 1

Sicurezza prima di ogni cosa, sempre! Abbassate il tasto generale del Quadro Elettrico. Così ché, anche se provvisti di salvavita, in caso di comportamenti scorretti non rischierete incedenti o peggio ancora la vita. Ricordate la SICUREZZA.

tasto contatore generale da abbassare

Step 2

Alzi la mano chi non ha mai fatto fuoriuscire l’acqua bollente dalla pentola, soprattutto quando si versa la pasta o il riso ( a tal proposito lo sapete che basta immergere nell’acqua, poco prima di versare la pasta, un cucchiaio di legno per evitare che ciò accada?!) ebbene se nonostante i vari accorgimenti il danno è fatto, bagnando così l’ugello posto al bordo del bruciatore, vi consiglio di procedere in questo modo.

se l'acqua fuoriesce bagnando il bruciatore

Step 3

Con uno straccio togliete l’acqua in eccesso, quindi asciugate l’elemento posto al lato del bruciatore con un comune phon per i capelli, eviterete in questo modo che eventuali gocce d’acqua o la stessa umidità che potrebbe crearsi, arrivi al circuito facendo scattare il salvavita, costringendovi a chiamare un tecnico o un elettricista per risolvere il problema, non conoscendo la causa della mancanza di corrente.

asciugare con un phon il punto di contatto con l'accensione

Riparare una lampada

Sostituire un filo elettrico o cambiare una spina perché si è rotta sono gli incidenti “elettrici” più comuni ed allora impariamo a farlo grazie a Giulia

Step 1

Con un cacciavite a stella svitate la spina, se è da sostituire, ma anche per riparare i cavi elettrici.

svitare la spina per la lampada

Step 2

Solitamente all’interno sono riportati i simboli che indicano la terra dagli altri fili, se non li trovate, ricordate che questa è sempre al centro.

la terra è sempre al centro se non c'è alcun simbolo

Step 3

I cavi elettrici sono sempre distinti dai colori, oltre che dai simboli quindi  la terra sarà sempre giallo/verde con il simbolo T, il neutro indicato con il simbolo N è blu e la linea con il simbolo L potrebbe essere marrone oppure nero.

i cavi elettrici sono indicati dai colori

Step 4

Vi consiglio di usare le forbici da elettricista per sfilettare le estremità, diversamente rischiereste di tagliare i filamenti di rame.

sfilettate le punte con le forbici da elettricista

Step 5

Basterà farlo in modo che inserendo ciascun filo nell’apposito spazio ciò che fuoriesce sia soltanto il rivestimento in plastica quindi, avvitate in modo ben fermo. Giulia consiglia di tirare i fili per avere conferma che siano fissati.

avvitare i cavi nella spina

Step 6

Ricomponete la spina senza lasciare spazi quindi avvitate. La spina è così pronta.

ricomponete la spine ed avvitate

 

Creare una lampada

 

Occorrente:

  • Una lanterna
  • Trapano con punta per metallo
  • Colla a caldo
  • Trancia fili
  • Porta lampada
  • Cavo elettrico
  • Interruttore

Tutto il materiale elettrico è stato fornito dalla ditta Elettrogal s.r.l. di Galliate (No)

Step 1

lampada da forare alla base per far passare i cavi

Scelto l’oggetto da trasformare (per questo progetto una lanterna in metallo) adattatelo praticando due fori, uno per sostenere il porta lampada ed un altro più piccolo per far passare il cavo elettrico. eviterete in questo modo che il filo crei irregolarità d’appoggio.

Step 2

far passare il cavo attraverso il foro centrale della lampada

Fate passare il cavo elettrico  attraverso il foro laterale della lampada quindi inseritelo in quello centrale e fuoriuscite in modo da poter lavorare con comodità.

Step 3

parti del porta lampada

Staccate i vari componenti del porta lampada, che ricomporrete in seguito, controllando così che l’elemento centrale sia intatto con la linguetta in metallo ben sospesa così ché la lampadina avrà il suo appoggio trasmettendo la corrente.

Step 4

inserite il primo componente

Inserite il primo componente del porta lampada

Step 5

agganciate i cavi elettrici al componente centrale del porta lampada

Agganciate i fili all’elemento centrale, come descritto sopra, senza preoccuparvi della posizione della terra che in questo caso non è indicata.

Step 6

agganciate il terzo elemento del porta lampada

Avvitate l’ultimo componente del porta lampada e fissatelo alla base della lanterna con abbondante colla calda, in modo che la posizione resti corretta e centrale.

Step 7

decorare la lampada

Per coprire la base di colla usate ciò che la fantasia vi suggerisce, Giulia ha scelto dei piccoli sassolini usati per decorare il presepe. Incollateli uno alla volta sovrapponendoli leggermente sempre con della colla a caldo.

 

Per rivedere il video della diretta, cliccate QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *